Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Mariske Strauss

Inga Cilvinaite seconda al Gran Premio Liberazione di Crema


26.4.2012


Doveva essere la corsa di Giorgia Bronzini, invece poteva di essere quella di Inga Cilvinaite. La lituana, gregaria preziosa e infaticabile della Diadora-Pasta Zara-Manhattan ha concluso al secondo posto l’internazionale Gran Premio di Liberazione a Crema dopo una corsa tutta orgoglio e combattimento. Battuta, in una volata a tre, solo dalla campionessa italiana Noemi Cantele. La giornata positiva della squadra trevigiana è stata completata dal quarto posto dell’ucraina Alona Andruk.
I colpi di scena sono iniziati a metà gara (12 giri pianeggianti in programma per 120 chilometri), quando sono andate in fuga 19 atlete. Tra queste, Inga Cilvinaite, Alessandra D’Ettorre, Giada Borgato e Alona Andruk della Diadora-Pasta Zara-Manhattan. Fuga decisiva, tanto da arrivare a quattro minuti di vantaggio al penultimo giro su un gruppo composto anche da Giorgia Bronzini. Al penultimo giro, poi, in tre hanno preso il largo: Noemi Cantele, Inga Cilvinaite e Maria Giulia Confalonieri. Le tre si sono giocate il successo in volata finendo nell’ordine. Quarta Alona Andruk che ha regolato il gruppo delle restanti 16 fuggitive.
“Ero in una giornata di forma ottimale - ha dichiarato la Cilvinaite nel dopo gara -, nello sprint finale sono partita ai 200 metri alla ruota della Cantele, Sbagliando. Dovevo attivarmi prima. Infatti mi sono avvicinata progressivamente alla rivale, ma sul traguardo mi sono mancati 50 metri per superarla. Peccato. Si poteva vincere”.

Ufficio Stampa Diadora-PastaZara-Manhattan


Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |