Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Ingrid Drexel
Giuseppina Grassi
Bianca Van Den Hoek

La Diadora-Pasta Zara-Manhattan nel pavé olandese con l'iridata Giorgia Bronzini


7.3.2012


Pavé, pavé e ancora pavé. Tre corse, stesse, o quasi, situazioni. Si comincia giovedì 8 marzo con la Drenthe 8, si continua sabato 10 con la Ronde Van Drenthe, prima prova della Coppa del Mondo, e si conclude domenica con la Novillon Eurocup. Un trittico di corse in linea concentrato nella provincia di Drenthe, in Olanda. Tre corse che rappresentano la seconda uscita stagionale della nuova formazione della Diadora-Pasta Zara-Manhattan, dopo la prima, sfortunata, trasferta al Tour of Qatar. Il direttore sportivo Aldo Piccolo potrà contare su sei atlete: l’iridata Giorgia Bronzini, le altre due italiane Giada Borgato e Alessandra D’Ettorre, nonché le tre lituane Inga Cilvinaite, Edita Janeliunaite e Agne Silinyte.

Tre corse, un comune denominatore: il pavé, appunto.
“La Ronde Van Drenthe è paragonabile alla Parigi-Roubaix maschile - commenta Diana Ziliute, dall’alto della sua esperienza -. Si corre in mezzo al bosco e devi fare i conti con lunghi tratti di pavé che spezzano il ritmo e dove le brutte sorprese sono sempre in agguato. O arrivi per primo su quei tratti insidiosi, o si soffre. Sempre.”. Una corsa che, sulla carta, si addice poco alla punta di diamante della squadra, Giorgia Bronzini.
“Non è detto - osserva ancora Diana -. Giorgia è agonisticamente scaltra. Se la squadra la mette in testa al gruppo nel pavé, potremmo vederne delle belle!”.

Sito ufficiale: http://www.rondevandrenthe.nl

Ufficio Stampa Diadora-PastaZara-Manhattan


Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |