Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Veronika Kormos
Alenka Novak
Jennifer Purcell
Marion Rousse
Alba Teruel Ribes
Anisha Vekemans
Veronika Vormos

Gp Liberazione, trionfo in volata per Giorgia Bronzini: “Grande lavoro di squadra”


27.4.2009


Giorgia Bronzini mattatrice del Gp Liberazione a Crema. L’atleta della Safi-Pasta Zara si è imposta d’autorità in volata precedendo Julia Martisova e Alessandra D’Ettorre.
“Ho finalizzato al meglio il gran lavoro fatto dalla squadra per tutta la corsa - ha commentato la piacentina -, alla quale va il mio ringraziamento personale. Tutte le mie colleghe hanno lavorato molto per una conclusione della corsa in volata. Si sono inserire in tutte le fughe, controllando al meglio le rivali. Sul traguardo, poi, le mie qualità velocistiche hanno avuto nettamente la meglio”.
Il Gp Liberazione è tradizionalmente un appuntamento per velocistiche. Non potrebbe essere diversamente visto che il percorso anche quest’anno era caratterizzato da un circuito completamente pianeggiante di 10.3 km da ripetere 12 volte. La Safi-Pasta Zara puntava tutto sulla Bronzini. Difatti la volata è stata tirata da Diana Ziliute, che poi ha ceduto il ruolo a Rasa Leleivyte, la quale ha portato la Bronzini ai 200 metri. Un lavoro preparatorio perfetto che ha spianato la strada alle qualità della campionessa del mondo in pista, che ha vinto con tre metri abbondanti di vantaggio.

La gioia del trionfo (prima vittoria su strada 2009 del team di Maurizio Fabretto) è stata però smorzata dalla paura per Alona Andruk, caduta nelle concitate fasi finali. L’ucraina non è riuscita ad evitare un violento contatto con una moto della Polizia Stradale. Soccorsa prontamente, è stata trasportata all’ospedale di Crema, dove le è stata riscontrata la frattura del dito di una mano. Precauzionalmente, dato che si lamentava per dolori al collo, la Andruk è stata sottoposta anche a una Tac.
Maurizio Fabretto racconta un aneddoto sulla volata finale. “Nella caduta della Andruk è stata coinvolta marginalmente anche la Bronzini. Nel senso che aveva preso una botta a una gamba. Botta che gli faceva male. Giorgia ha così gridato alla Ziliute che non era nelle condizioni ideali per fare la volata. La Ziliute gli ha gridato che andava tutto bene e che avrebbe vinto. La Bronzini si è rinfrancata e ha insistito. Anche questa volta la nostra capitana è stata eccezionale. E’ il faro della squadra”.

Classifica finale Gp Liberazione: 1. Giorgia Bronzini (Safi-Pasta Zara) 123,5 km in 2h55’05” alla media di 42,323 km/h; 2. Julia Martisova (Gauss); 3. Alessandra D’Ettorre (Top Girls).

Ufficio stampa Safi-Pasta Zara


Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |