Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Anne Arnouts
Jessie Maclean
Modesta Vzesniauskaite

Ciclismo femminile di ieri e oggi si sono incontrati a Cittiglio nell'ambito di Bici&Mimosa


9.3.2009




Ciclismo femminile di ieri e oggi si sono incontrati a Cittiglio nell'ambito di Bici&Mimosa
La suggestiva e divertente serata è stata organizzata dalla rivista CICLISMO e dalla Cycling Sport Promotion
Non finisce qui; tante le idee nate per continuare a mantenere saldo il legamo con il passato


Bici&Mimosa, ovvero una serata, quella di ieri sabato 7 marzo, di emozioni forti vissute insieme alle splendide campionesse di ciclismo dal dopoguerra in poi. Un susseguirsi di scenografie storiche raccontate dalle stesse protagoniste costrette per molti anni a pedalare sulle strade dei pregiudizi e della discriminazione, oltre che delle competizioni ciclistiche. Problemi del passato, per fortuna, proprio grazie a quel forte e determinato inizio di alcune splendide signore, eroine a pedali degli anni '50-'60. Ricordi, cuoriosità e aneddoti in un racconto bellissimo, nel quale la donna ha recitato un ruolo altrettanto importante di quello dell'atleta in bicicletta negli anni della rinascita sociale a confronto con il ciclismo moderno, in cui l'organizzazione e la programmazione sono alla base di un movimento solido, efficiente e di notevole visibilità.

Il piacevolissimo confronto, che si è svolto nella sala consiliare di Cittiglio (VA) con la partecipazione attiva del sindaco Giuseppe Galliani, è stata organizzata dalla rivista Ciclismo, intervenuta con l'apprezzatissima giornalista Fulvia Camisa e dalla Cycling Sport Promotion presieduta da Mario Minervino, nell'ambito delle iniziative collaterali la Coppa del Mondo donne, in programma domenica 29 marzo.

Non sono mancati i colpi di scena. Nel corso della serata Florinda Parenti ha svelato infatti che Alfredo Binda, a differenza di quanto si crede normalmente, ha avuto l'occasione per apprezzare il ciclismo femminile mentre Celeste Milani ha lanciato l'idea dell'organizzazione di una manifestazione ciclistica che veda protagoniste insieme le atlete di ieri e oggi.Sono state tantissime le campionesse partecipanti al confronto serrato ed agguerrito, specialmente fra le stesse file delle signore ex cicliste tra le quali, evidentemente, l'agonismo non si è esaurito. Da Florinda Parenti a Morena Tartagni, Giuditta Longari, Mary Cressari, Denise Turazzi, Gianna Brovedani, Giuseppina Banchini, Giovanna Oriani, Raffaella Micheletti, Elisabetta Maffeis, Patrizia Cassani, Florinda Parenti, Giuditta Longari, Marielisa Giucolsi, Ivana Panzi e la vivacissima Graziella Dal Bello, dalla quale si prese lo spunto per la celeberrima "bici Graziella", a Maria Canins in collegamento telefonico dall'Alta Badia. Tra le atlete di oggi c'erano la superfesteggiata da tutti Noemi Cantele, vincitrice qualche ora prima della gara di Brissago, Sigrid Corneo, Edita Pucinskaite, Marta Vilajosana, Silvia Valsecchi, Marina Romoli, Silvia Tirado, Veronica Andreasson, Saneila Biagi, Ketty Visconte che presto sarà protagonsita con Damiano Cunego in uno scenario europeo di gran fascino. Poi il saluto importante di Paola, Di Domenico (Milani Cycles) e gli interventi di Gabiella Sberviglieri, consigliere di Parità Provinciale e Serena Contini, curatrice tra l'altro della mostra STRAordinariCICLI, che ha raccontato la nascita e la crescita del ciclismo femminile attraverso la poesia e la narrativa del novecento. Non solo donne cicliste ieri e oggi ma anche diesse di epoche diverse, con la storia del ciclismo femminile eroico vissuto da Alfredo Bonariva e quello moderno di Walter Zini e Roberto Rossi; quindi la bici d'epoca, una Legnano dei tempi di Alfredo Binda, e una specialissima appena realizzata dall'azienda di Celeste Milani. Infine i preziosi reportage fotografici firmati da Diego Franzetti. Il tutto grazie all'abilissima regia di Alberto Rigamonti, prontissimo e impareggiabile nel lanciare la sfida da un lato all'altro dell'osservatorio storico.

Ufficio Stampa - Start Communication



Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |