Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Hongyu Liang
Chanella Stougje

L'iridata Chulkova si presenta con un 2° posto


4.6.2012


Ancora una piazza d'onore segna la stagione 2012 della Forno d'Asolo-Colavita. Anche la campionessa del mono della corsa a punti Anastasia Chulkova appena approdata in gialloverde non si è sottratta all'incredibile sortilegio. In Svizzera al Gp Luzern a Bad Knutwil si è dovuta arrendere alla superiorità numerica del team BePink che ha centrato il successo per distacco con la 29enne tedesca Elke Gebhardt e piazzato sul terzo gradino del podio la giovane romagnola Delia Mucioli. Tutto si è deciso sullo scollinamento dell'ultimo strappo (un breve "muro" al 12%) a 7 km dal traguardo, quando in testa c'era un quartetto formato da Chlkova, Gebhardt, Muccioli e la francese Schwager. Il drappello si era scremato lungo le 8 tornate del tracciato che presentava alcuni strappi. Già alla terzo giro restavano una trentina di atlete al comando. Quindi in 20 e al penultimo giro in dieci con Chulkova e Pauliukaite per la Forno d'Asolo-Colavita. Da questo drappello si isolavano in testa le quattro che andranno a giocarsi il successo finale. L'azione decisiva nel finale, quando la tedesca si avvantaggia e il centinaio di metri guadagnati le sono sufficienti per andare a vincere in solitudine. Dietro invece non c'è grande accordo per l'inseguimento tra Chulkova e Schwager così la fuggitiva ha buon gioco, con la compagna di squadra che controlla l'attacco. Al traguardo l'iridata non ha problemi a vincere lo sprint della battute. Poi Pauliukaite si piazza ottava.

"Sono più che soddisfatto per la volata finale - chiosa il team manager Franco Chirio -. Non eravamo più abituati. Fa bene sperare per gli impegni futuri. Anastasia poteva osare di più nel finale, ma era alla prima gara in Europa e non conosceva le avversario. Quindi non si è fidata ed ha preferito stare sulle ruote".

Ufficio Stampa Forno d'Asolo-Colavita


Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |