Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Theresa Cliff-Ryan
Silvia Marsala
Lelizaveta Oshurkova
Maria Grandt Petersen

Strepitosa Noemi Cantele a Plouay


2.9.2007


È grande Italia, ed immensa è Noemi Cantele nella penultima prova stagionale di coppa del mondo. La varesina portacolori della formazione svizzera Bigla Cycling Team diretta da Felice Puttini ha offerto una prova maiuscola andando ad imporsi in solitaria sul traguardo di Plouay dopo aver staccato nell'ultima asperità di giornata le tre compagne di fuga Nicole Cooke, Marta Bastianelli ed Oenone Wood.

157 atlete al via della sesta edizione del Grand Prix di Plouay lungo un impegnativo circuito da ripetersi sei volte. Poca fortuna per la vincitrice uscente Nicole Brändli, costretta al ritiro a causa di guai meccanici. La corsa ha vissuto i momenti più caldi nei suoi ultimi trenta chilometri. Sulla salita del Kerihuel la giovane laziale Marta Bastianelli tenta l'azione solitaria evadendo di forza dal plotone. La sua coraggiosa offensiva è decisa ma il gruppo principale, composto ancora da una cinquantina di unità, le lascia veramente poco spazio. Alla battistrada si accodano in seguito anche Noemi Cantele e Judith Arndt, ma questo trio non andrà lontano. Proprio all'inizio dell'ultimo giro le fuggitive vengono riassorbite dal gruppo principale: tutto da rifare quindi.

Le emozioni non finiscono qui e poco dopo è Oenone Wood a promuovere quella che sarà l'azione più interessante della corsa. Alla ruota dell'australiana si accodano nuovamente le attivissime Noemi Cantele e Marta Bastianelli, seguite pochi secondi dopo dalla leader di coppa del mondo Nicole Cooke. Le quattro battistrada uniscono subito gli sforzi guadagnando presto una ventina di secondi sul gruppo principale. A cinque chilometri dal traguardo le inseguitrici sono ormai irrimediabilmente relegate a quarantacinque secondi. Wood, Cooke, Bastianelli e Cantele affrontano per l'ultima volta la salita del Ty Marrec. A rompere gli indugi è subito Noemi Cantele, consapevole di avere poche possibilità di vittoria nel caso di un arrivo in volata ma anche cosciente della sua grande condizione. Oenone Wood perde subito contatto ma poco dopo anche Nicole Cooke e Marta Bastianelli sono costrette ad inchinarsi di fronte all'azione devastante della Cantele. In poche centinaia di metri il suo vantaggio supera i venti secondi e gli ultimi tre chilometri sono ormai una cavalcata trionfale verso il secondo successo sul traguardo di Plouay, visto che la varesina si era imposta qui già nel 2005. Lo sprint per il secondo posto viene vinto dalla gallese Nicole Cooke davanti all'encomiabile Marta Bastianelli, autrice di una prova tutta all'attacco, ed Oenone Wood, mentre la volatona del gruppo principale va agevolmente alla piacentina Giorgia Bronzini davanti a Monia Baccaille e ad una Marianne Vos decisamente in ombra.

Un'Italia quindi sugli scudi a Plouay ed una Noemi Cantele in formato super ormai da qualche settimana. Fresca vincitrice del Trophée d'Or e sempre convincente nelle sue ultime apparizioni, Noemi sembra aver raggiunto un grado di maturità ed un livello tali da poterla portare veramente in alto. A questo punto il pensiero non può non volgere a Stoccarda, a quei mondiali che l'anno scorso l'avevano vista solo accarezzare il sogno di una medaglia. Noemi ha dimostrato di essere veramente in grandissima condizione, così come le altre azzurre, ma a quattro settimane dalla prova iridata sono ancora troppe le incognite da decifrare. Molte delle attese protagoniste stanno infatti programmando il finale di stagione proprio per arrivare al "top" della condizione in occasione dei mondiali di Stoccarda.

Ritornando alla coppa del mondo, ottima operazione per Nicole Cooke che grazie a questo prezioso secondo posto consolida il suo primato e conduce con ben ottanta punti di vantaggio sull'olandese Marianne Vos. Tutto si deciderà fra due settimane in Germania dove Marianne Vos è praticamente costretta a vincere se vuole avere ancora qualche possibilità di superare Nicole Cooke. La britannica è quindi vicina alla sua terza coppa del mondo, nonostante il suo vero obiettivo stagionale sia costituito dai mondiali, corsa che ha già conquistato tra le juniores proprio a Plouay ma che finora le è più volte sfuggita per un niente nella massima categoria.

GP de Plouay - ordine d'arrivo
  1. Noemi Cantele (Ita) Bigla Cycling Team 3.14.00
  2. Nicole Cooke (GBr) Raleigh Lifeforce Pro Cycling Team 0.28
  3. Marta Bastianelli (Ita) Italian National Team
  4. Oenone Wood (Aus) T-Mobile Team - Women
  5. Giorgia Bronzini (Ita) Italian National Team 0.44
  6. Monia Baccaille (Ita) Saccarelli EMU Marsciano
  7. Marianne Vos (Ned) Team DSB Bank
  8. Angela Brodtka (Ger) Team Getränke-Hoffmann
  9. Susanne Ljungskog (Swe) Team Flexpoint
  10. Elodie Touffet (Fra) Menikini - Gysko





Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |