Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Mirjam Muckenhuber
Loren Rowney

Gauss - Tatiana Antoshina, seconda al Giro delle Fiandre "non ci credo ancora"


4.4.2011


Luisiana Pegoraro “team Gauss: dimostrazione di compattezza”


Un secondo posto a una prova di World Cup vale doppio, al Giro delle Fiandre, che una qualsiasi prova di Coppa del mondo non lo è, non ha prezzo.

La russa Tatiana Antoshina ha portato sul podio il nome della Gauss RDZ Ormu Unico1 stampato sulla maglia da campionessa nazionale in una delle più affascinanti, impegnative e prestigiose prove mondiali. Il Fiandre è una corsa signora: racchiude in se l’essenza del ciclismo. C’è tanta sostanza, ma anche emozione e stupore in questa strepitosa performance di Tatiana Antoshina, crono women e passista- scalatrice di valore. Ottenuta dopo 131 chilometri infernali e dodici muri, tra cui il famigerato e più atteso Muur, esattamente gli stessi della corsa maschile ”forse non riesco ancora a realizzare quello che ho fatto – commenta a caldo – sono stravolta dalla fatica e felice, mai mi sarei aspettata il podio. Ho promosso la fuga, a 3 km dalla fine, visto che le volate non sono il mio punto forte, ho deciso di tentare”. Tentativo che è andato a buon fine, due talenti come Antoshina e Van Vleuten (vincitrice) sono riuscite a difendere quei pochi secondi per giocarsi tutto in volata. Terza, prima del drappello d’inseguitrici è giunta la fuoriclasse olandese Mariane Vos.

“La Tatiana sì è superata, speriamo che questa diventi la sua annata – non nasconde la propria gioia la ds Luisiana Pegoraro - per le belghe e olandesi il Fiandre è la corsa della vita, loro vivono su queste strade e conoscano i segreti d’ogni pezzo di pavé, la concorrenza valeva il campionato mondiale. Abbiamo avuto oggi una bella dimostrazione di compattezza da parte di tutta la squadra, non potrei chiedere di più alle mie ragazze. La corsa è stata molto impegnativa, selettiva, contraddistinta da una serie di cadute e guasti meccanici , anche il nostro team (Cristel Ferrier Bruneu) non è stato risparmiato, ma il Fiandre si sa, è anche questo. Il risultato ci onora, ma non cambia la filosofia: affrontare con la grinta e massima determinazione, ma senza asilo di risultato ogni corsa”.

Bene anche la linea verde del team Gauss. Tra le allieve sul veloce circuito del 4° Trofeo Memorial Gino Sella e 1° Trofeo Vini Terre a Vo’ (Padova) la sprinter della Carrera Gauss Unico1 Sara Coffinardi si è piazzata al quarto posto, sesta e migliore sempre nello stesso Trofeo tra le esordienti Gaussine invece è risultata Katia Godenotti. “Entrambe le gare sono state affrontate ad andatura molto veloce e si sono concluse con una volata a ranghi compatti”

Ufficio Stampa - Edita Pucinskaite


Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |