Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Antonella Leonardi
Yue Min Ruan
Adrie Visser

Giro di Nuova Zelanda - Alona Andruk terza nell'ultima tappa


2.3.2011


il Giro della Nuova Zelanda per la Diadora-Pasta Zara-Manhattan
Con la sesta tappa, il Wellington Criterium, si è concluso oggi il Giro della Nuova Zelanda. Ha vinto, in solitudine, Amanda Miller (Htc), seconda Cheatley (Nuova Zelanda), terza Alona Andruk (Diadora-Pasta Zara) che ha primeggiato nello sprint a tre davanti alla tedesca Judith Arndt, la vincitrice del Giro della Nuova Zelanda.

“Oggi siamo partiti molto forte - ha commentato il team manager della squadra italiana, con licenza Usa, Manel Lacambra -, tentando di fare l’andatura, ma subito abbiamo dovuto confrontarci con cinque squadre in sovrannumero rispetto a noi. Però abbiamo attaccato, soprattutto con Shelley Olds e Alona Andruk, la vincitrice della quinta tappa, che hanno fatto la corsa assieme ad Amanda Miller, Ina Teutenberg e l’australiana Chloe Hosking, tutte della Htc. A metà gara hanno tentato l’affondo Andruk e Miller. Dietro, però, è stato impossibile per Shelley coprire adeguatamente la compagna. Le ha provate tutte, ma alla fine Arndt, Cheatley e Spratt hanno raggiunto la Andruk. Approfittando della superiorità numerica, poi, la Htc ha mandato in fuga la Miller che è arrivata da sola. Alona si è comunque dimostrata in grande forma vincendo la volata per il terzo posto. Abbiamo corso bene anche oggi. Fare di più era impossibile. Partiamo dalla Nuova Zelanda molto soddisfatti. La stagione è cominciata bene, con le ragazze molto motivate”. Il bilancio finale del Tour New Zealand, infatti, è positivo per la Diadora-Pasta Zara-Manhattan: una vittoria (Alona Andruk), un secondo, (Shelley Olds), un terzo (Alona Andruk), un sesto (Rachel Neylan) e un nono posto (Amber Rais) nelle cinque giornate di gara. Ma, soprattutto, prestazioni sempre in crescendo, con una squadra che, avendo deciso di partecipare al Giro della Nuova Zelanda all’ultimo momento, in quanto non faceva parte del programma iniziale, ha sempre corso con quattro atlete contro le sei degli altri team, alcuni di questi al vertice del ciclismo femminile internazionale.

Insomma, se il buongiorno si vede dal mattino….
E adesso l’appuntamento è per il prossimo 12 marzo a Caerano San Marco (Treviso). Nella sede della Diadora verrà presentata la formazione 2011 al gran completo della Diadora-Pasta Zara-Manhattan.

Classifica finale Giro Nuova Zelanda: 1. Judith Arndt (Htc); 2. Catherine Cheatley (Nuova Zelanda) a 4”; 3. Ruth Corset (Australia) a 12”; 4. Shara Gillow (Australia) a 1’05”; 5. Emily Collins (Nuova Zelanda) a 1’29”; 6. Alona Andruk (Diadora-Pasta Zara-Manhattan) a 1’29”; 7. Joanne Hogan (Australia) a 1’33”; 8. Vicki Whitelaw (Australia), a 1’33”; 9. Rachel Neylan (Diadora-Pasta Zara-Manhattan) a 1’33”.

Ufficio Stampa Diadora-PastaZara-Manhattan


Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |