Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Debora Noelia Haedo

Chirio - Kirch, galoppata "Eroica" per entrare nella storia


27.9.2010


Strepitoso successo della 34enne brasiliana nella prima edizione della corsa toscana


Un colpo di coda formidabile, vale l'intera stagione per i colori della Chirio-Forno d'Asolo-Rougj Tre Colli Idea Quick. Rosane Kirch, 34enne brasiliana del Paranà, è stata la prima atleta a stampare il proprio nome nell'albo d'oro della Eroica Rosa, l'affascinante ed ambita competizione appena nata, disputata per la prima volta con partenza ed arrivo a Gaiole in Chianti, tra le ondulazioni senesi e l'organizzazione dell'Asd Girobio di Giancarlo Brocci che ha avuto il merito di offrire anche al movimento femminile la sfida titanica tutta dal sapore antico ed epico: 38 dei 117 km complessivi da percorrere tra la polvere di sei distinti settori sterrati dove ad ogni metro può succedere davvero di tutto.

"L'Eroica è una gara bellissima, stupenda, magica, unica nel suo genere, capace di regalare sensazioni indescrivibili solo a correrla. Figuriamoci se arriva anche la vittoria. Complimenti davvero agli organizzatori. - ha dichiarato Rosane Kirch nell'intervista andata in onda domenica sera su RadioDue -. Questa è una gara destinata sicuramente ad entrare tra le classiche più importanti ed ambite del calendario internazionale femminile. A me è andato davvero tutto per il verso giusto. D'altronde per vincere non serve solo attraversare un momento particolarmente felice, ma occorre anche trovare quella giusta dose di fortuna che non guasta mai. Specialmente in corse del genere, dove una foratura rischia di compromettere tutto, magari all'ultimo metro dell'ultima salita".

Ed il numero 13 di dorsale ha portato davvero parecchia fortuna a Rosane Kirch, uscita in ottime condizioni dal Giro di Toscana. Nel Chianti la carioca ha trovato una giornata davvero strepitosa per tornare a vincere sulle strade italiane, dopo le soddisfazioni raccolte in avvio di stagione in Brasile alla Volta Ciclística do Futuro e al campionato sudamericano di Medellin chiuso con l'argento al collo.

La ragazza di Franco Chirio non solo ha vinto, ma ha letteralmente stracciato le avversarie. Si è resa protagonista di una strepitosa ed esaltante galoppata solitaria, durata la bellezza di 60 km, iniziata lungo il "muro" di San Martino nel terzo settore di sterrato, dove proprio sotto la spinta della brasiliana si è sgretolato il drappello di otto atlete rimasto al comando dopo la selezione naturale che in precedenza aveva assottigliato un più folto plotoncino di 19 unità. Una volta spiccato il volo, l'azione solitaria è stata coronata con distacchi abissali inflitti alle avversarie che nulla hanno potuto per arginare la giornata di grazia della Kirch. L'abruzzese Alessandra D'Ettorre ha varcato la soglia del traguardo staccata di 5', mentre la friulana Martina Corazza di oltre sei minuti. A completare il trionfo gialloverde è arrivato il 6° posto di un'altra brasiliana, Uenia Fernandes, in ritardo di otto minuti e mezzo dalla scatenata compagna di squadra.

"Ancora oggi non ci credo. La fatica è stata enorme, credetemi. Il mio resterà il primo nome scritto ad apparire nell'albo d'oro dell'Eroica. Ne sono orgogliosa. E' stato importante restare sempre lucidi per poter guidare al meglio la bici nei tratti più impervi e difficili - riprende e spiega Rosane Kirch -. Come nutrirmi con scrupolo per non rischiare di restare senza energie. In pratica ogni 20 km circa ho mangiato qualcosa. Ringrazio il direttore sportivo che mi ha consigliato i rapporti migliori per non piantarmi quando la strada prendeva a salire con pendenze impossibili. Abbiamo montato una serie col 39x27 come rapporto massimo, alla necessità tornato utilissimo. Quindi è stato fondamentale correre con gomme Vittoria modello Pro Team Prb, per intenderci quelle col battistrada verde, gonfiate a dieci atmosfere".

"Questa vittoria è una delle più belle ed esaltanti mai ottenute negli ultimi anni dal nostro team - aggiunge il team manager Franco Chirio - in un'atmosfera davvero speciale e particolarmente suggestiva. Ci ripaga dei tanti sacrifici sostenuti sino ad oggi e proietta in una dimensione diversa in vista della prossima stagione che vedrà concretizzarsi la partnership avviata con il gruppo statunitense Colavita".

Intanto mercoledì il team piemontese-veneto di Montechiaro d'Asti tiferà per l'americana Amber Neben che nella crono iridata di Melbourne-Geelong proverà a bissare l'oro di Varese 2008.

Ufficio Stampa Chirio-Forno d'Asolo


Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |