Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Alexis Ryan
Kamilla Sofie Vallin

Giro Donne 2010 - lo Stelvio incorona Mara Abbott regina del Giro


11.7.2010




Doma lo Stelvio e le avversarie, fa sua la tappa epica e tanto attesa del Giro Donne. E si prepara a scrivere il suo nome nell'albo d'oro della corsa rosa. È Mara Abbott la regina dello Stelvio, di un Giro Donne che ogni giorno regala emozioni, mai prevedibile e ricco di grande sport a pedali. Come la statunitense Mara Abbott, che nella tappa conclusasi a Livigno aveva evidenziato condizioni, attenzioni ed obiettivi sulla maglia rosa che solo dodici mesi or sono le era sfuggita a beneficio della tedesca Hausler. Una tappa breve ma molto intensa quella che ha portato tutto il Giro Donne da Livigno sino in vetta alla Cima Coppi del Passo dello Stelvio, tempio del ciclismo mai domato prima dalle eroine del ciclismo al femminile. Prima un controllo molto attento ed oculato della corsa, poi l'attacco alla base dello Stelvio, la selezione, lo scatto secco a dispetto dell'inglesina Emma Pooley e l'arrivo in perfetta e trionfante solitudine. Sono questi gli ingredienti prestigiosi di una tappa incorniciata dal pubblico e da un paesaggio fantastici.

Sono cento esatte le atlete che compongono il gruppo alla partenza in Plaza Placheda, nel pieno centro di Livigno. Due i giri del circuito attorno al Piccolo Tibet, per un saluto con la promessa di tornare. Al passaggio in vetta a Trepalle, sul traguardo della montagna, Emma Pooley (Cervelo Test Team), va a prendere preziosi punti per la classifica delle scalatrici, ancora aperta e tutta da giocare tra le campionessa di Gran Bretagna e l’americana Abbott. Alle spalle della Polley, sfilate ma senza distacchi di rilievo, Evelyn Stevens (Team Hct Columbia) ed Amanda Miller (Nazionale Usa), seguite da Marianne Vos (Nazionale Olanda) ed Eugenya Vysostka (Team Valdarno). In discesa verso Bormio perde contatto dalla testa della corsa la Pooley, mentre Amber Neben incappa in una nuova brutta caduta, che le costa il ritiro.

Sono quindici le atlete che attaccano la base dello Stelvio, con tutte le migliori dell’alta classifica. Sui primi chilometri di salita ne fanno le spese subito Grete Treier (Michela Fanini Record Rox), Lucinda Brand (Nazionale Olanda) ed Olga Zabelinskaya (Safi Pasta Zara Manhattan). Davanti la selezione si fa naturale e parallela alla andatura impressa dalle scalatrici più quotate. A dieci chilometri dalla conclusione e dalla vetta rimangono cinque le battistrada: Claudia Hausler ed Emma Pooley (Cervelo Test Team), rientrata in testa nei primi chilometri di ascesa, Judith Arndt (Team Htc Columbia), Tatiana Guderzo (Team Valdarno) e la maglia rosa Mara Abbott (Nazionale Usa). Il primo scatto della Pooley rompe gli accordi e trova pronta risposta soltanto nella Abbott, che favorisce il formarsi della nuova coppia di testa. Alle spalle si creano numerose individualità che, tornante dopo tornante, perdono terreno. Sole ed impegnate in salita, inseguono nell’ordine Guderzo, Arndt, Antoshina, Hausler, Vysotska. Ed ancor più indietro Pitel e Zabelinskaya, ben sopra i due minuti dal tandem di testa. Soltanto il riaggancio della Arndt alla Guderzo a quattro chilometri dalla conclusione favorisce il ridursi del ritardo a soli quarantadue secondi dalla coppia al comando.

Ai due chilometri dal Passo dello Stelvio la maglia rosa Mara Abbott piazza lo scatto giusto ai danni della Pooley, che scivola ad una ventina di secondi che risulteranno fatali per l’esito della tappa. Regolare la maglia rosa sulla strada che sale a ben oltre duemila metri. Per la Abbott il trionfo di un’atleta capace di replicare, poche ore dopo il successo di Livigno, un’altra esaltante vittoria, ad un passo dal trionfo finale di Monza e dalla conquista della maglia rosa, obiettivo numero uno per la statunitense e per il suo team diretto da quest’anno da Manel Lacambra.

“Il nostro obiettivo era prima di tutto – ha dichiarato felice la Abbott dopo il traguardo – controllare la corsa sin dall’inizio. Ed infatti abbiamo messo le nostre ragazze sulle prime salite di giornata. Poi ho risposto bene in prima persona alla selezione provocata sull’ultima terribile salita. Quando ho capito che potevo dare qualcosa in più rispetto alla Pooley, ho provato a staccarla quando mancavano poco più di due chilometri all’arrivo. E’ un successo super, di quelli che si provano poche volte nella vita – ha specificato la Abbott – su un traguardo mitico come quello dello Stelvio. E’ un successo che dedico anche alla squadra. Il Giro Donne lo abbiamo preparato molto bene come primo obiettivo stagionale ed arrivare in fondo con la maglia rosa ripaga del grande lavoro fatto sin qui. Dopo il secondo posto dello scorso anno e la vittoria di tappa al Monte Serra, due successi come quelli di Livigno e dello Stelvio non possono che gratificarmi. Ad una sola tappa dalla fine della corsa e dalla conquista del Giro”

La trasmissione della nona tappa del Giro Donne Livigno –Passo dello Stelvio è prevista su Rai Tre al termine della tappa del Tour de France.

Programma dell’ultima tappa: domenica 11 luglio

Partenza ed arrivo a Monza per il decimo ed ultimo atto del Giro Donne. Domenica 11 luglio si corre nel cuore della Brianza l’ultima tappa che incoronerà la vincitrice della ventunesima edizione del Giro Donne. Non una kermesse ma una vera e propria tappa di centododici chilometri attraverso ogni angolo della Brianza. Apertura di giornata sui pedali nell’affascinante e suggestiva atmosfera motoristica dell’Autodromo di Monza con tre giri del circuito. All’uscita le atlete entreranno nel cuore della tappa, piegando verso la Brianza lecchese prima di attraversare anche la provincia di Como ed entrare nel finale di tappa e di Giro verso Monza, dove dinnanzi alla celebre Villa Reale è collocato il traguardo. Una frazione che difficilmente potrà incidere sulla classifica generale ma che, al tempo stesso, potrebbe essere un trampolino di lancio per attaccanti di giornata, a caccia di gloria negli ultimi scampoli della corsa rosa.

Ritrovo e preliminari all’interno dell’Autodromo di Monza, area paddock, dalle ore 10 con firma foglio di partenza e presentazione delle squadre dalle ore 10,30. Partenza prevista alle ore 12,45 e conclusione intorno alle ore 16.

A conclusione di questa edizione, il Giro Donne organizza domani sera, a partire dalla ore 21.30 un party finale per festeggiare insieme ai tifosi, le atlete e l’organizzazione, questa 21ma edizione. L’appuntamento è presso il Molto Club&Restaurant di Carate Brianza, a partire dalle ore 21.30.

Ordine d’Arrivo Nona Tappa Livigno-Stelvio:
1.   Abbott Mara (Nazionale USA) 68.50 Km in 2h27’15” media 27.912 Km/h
2.   Pooley Emma (Cervelo Test Team) a 27”
3.   Arndt Judith (HTC Columbia) a 1’43”
4.   Guderzo Tatiana (Team Valdarno) a 1’50”
5.   Antoshina Tatiana (Team Valdarno) a 2’58”
6.   Vysotska Eivgenia (Team Valdarno) a 3’27”
7.   Hausler Claudia (Cervelo Test Team) a 3’38”
8.   Pitel Edwige (Michela Fanini Record Rox) a 5’55“
9.   Zabelinskaya Olga (Safi Pasta Zara Manhattan) a 7’14”
10.  Vos Marianne (Nazionale Olanda) a 7’44”
Classifica Generale-Maglia Rosa Diadora:
1.   Abbott Mara (Nazionale USA) in 22h30’20”
2.   Arndt Judith (HTC Columbia) a 2’08”
3.   Guderzo Tatiana (Team Valdarno) a 3’05”
4.   Hausler Claudia (Cervelo Test Team) a 5’29”
5.   Pooley Emma (Cervelo Test Team) a 6’53”
6.   Vysotska Eivgenia (Team Valdarno) a 8’26”
7.   Vos Marianne (Nazionale Olanda) a 9’32”
8.   Antoshina Tatiana (Team Valdarno) a 12’05”
9.   Zabelinskaya Olga (Safi Pasta Zara Manhattan) a 23’03”
10.  Berlato Elena (Top Girls Fassa Bortolo Ghezzi) a 25’47”
Classifica Punti-Maglia Ciclamino Pasta Zara:
1.   Vos Marianne (Nazionale Olanda) punti 74
2.   Arndt Judith (HTC Columbia) punti 62
3.   Teutenberg Ina Yoko (HTC Columbia) punti 60
Classifica Gran Premio della Montagna-Maglia Verde Poliedra:
1.   Pooley Emma (Cervelo Test Team) punti 48
2.   Abbott Mara (Nazionale USA) punti 43
3.   Guderzo Tatiana (Team Valdarno) punti 33
Classifica Giovani-Maglia Bianca Regione Lombardia:
1.   Vos Marianne (Nazionale Olanda) in 22h39’52”
2.   Berlato Elena (Top Girls Fassa Bortolo Ghezzi) a 16’15”
3.   Gillon Shara (Nazionale Australia) a 32’23”
Classifica Italiane-Maglia Blu Geox:
1.   Guderzo Tatiana (Team Valdarno) in 22h33’25”
2.   Berlato Elena (Top Girls Fassa Bortolo Ghezzi) a 22’42”
3.   Carretta Valentina (Top Girls Fassa Bortolo
Le foto della corsa

Ufficio Stampa Giro Donne 2010



Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |