Notizie principali


Elisa Longo Borghini ha vinto le Strade Bianche

Presentazione BePink Cogeas 2017

Megan Guarnier vince il 27° Giro Rosa

A Cittiglio trionfa la campionessa del mondo Elizabeth Armitstead

Presentazione Team Servetto 2016

[Foto] Ciclocross - EKZ CrossTour Meilen

[Foto] Europei 2015 - in linea under 23


Notizie recenti


Valcar - PBM: Marta Cavalli, la caduta e la rinascita

Servetto - Letizia Borghesi in lotta per il successo a Sanremo

Valenciana: BePink Cogeas a segno nella cronometro a squadre

Sfortunato inizio di stagione per la Michela Fanini

Servetto: quattro atlete al via della Setmana ciclista valenciana

Valcar-PBM: ecco le convocate per la Semana Valenciana

Aromitalia - Vaiano: doppio piazzamento in top ten a Montignoso

Presentata la Michela Fanini 2017

Presentato il Team Aromitalia Vaiano Fondriest

Presentazione Trofeo Alfredo Binda e trofeo Da Moreno



Oggi è il compleanno di:


Nicole Dal Santo
Pippa Handley
Sophie Lacher
Alicia Claudia Reynoso Pueyo
Anriette Schoeman
Georgia Williams

Safi - Eleonora Patuzzo conquista la piazza d'onore alla "Muri Fermani"


2.5.2010


Un’altra piazza d’onore. La seconda in due giorni. Ancora un successo sfiorato e non raggiunto. Eleonora Patuzzo seconda. Marina Romoli quarta. Ha vinto, come ieri a Gattatico, Giorgia Bronzini. E le atlete della Safi-Pasta Zara-Manhattan protagoniste anche alla “Muri Fermani”, “Le nostre Fiandre”. Tutte lo sapevano. Tutte lo aspettavano. Il muro finale che portava al traguardo nella centrale Piazza del Popolo di Fermo, oggi avrebbe deciso la corsa. Lì bisognava esserci, per poi sperare.

E così è stato. In pianura 90 dei 100 chilometri in programma sono corsi via senza emozioni particolari. Sempre, però, contrassegnati dalle maglie biancorosse della Safi-Pasta Zara-Manhattan a fare l’andatura.

Ultimo giro. Ultimi 7 chilometri. Con il muro finale. Stavano tutte bene le ragazze di Diana Ziliute. Anche Marina Romoli. Nella corsa di casa (l’organizzatore è suo padre Giordano) la marchigiana doveva provarci. E l’ha fatto. Ha forzato l’andatura poco prima del muro. Per fare una prima selezione. Difatti, sette atlete si sono presentate da sole nella rampa conclusiva. Tra queste, tre della Safi-Pasta Zara-Manhattan: Marina Romoli, Sylwia Kapusta e Eleonora Patuzzo. Sette che diventavano otto con l’inserimento di forza di Giorgia Bronzini in extremis.

A quel punto, l’ordine di Diana. Tutte per Eleonora. La squadra doveva lavorare per portare la giovane veronese nelle condizioni di vincere. Ordine rispettato fino alla fine. Ma nulla hanno potuto, le ragazze di Maurizio Fabretto, sull’allungo finale di Giorgia Bronzini. La Patuzzo ha chiuso seconda, alla sua ruota. Terza, ulteriormente staccata, Marta Vilajosana, campionessa di Spagna. Quarta Marina Romoli, applauditissima.

“Peccato, peccato. Volevo dedicare la vittoria alle mie compagne che oggi si sono sacrificate tanto per me. E invece la differenza di preparazione tra noi e Giorgia Bronzini, reduce dai Mondiali in pista, ha fatto la differenza nel finale”, ha commentato la Patuzzo nel dopo gara.

Ufficio stampa Safi-Pasta Zara - Giovanni Bertizzolo



Condividi

© 2007 Ciclismo Femminile |